Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Traduzione e legalizzazione dei documenti

Le legalizzazioni di documenti tra Italia e Malta: l’apostille

Italia e Malta  sono entrambi membri della Convenzione dell’Aja del 5 dicembre 1961 sulla soppressione della “legalizzazione” sugli atti pubblici stranieri: in base alla Convenzione non è necessario che le Rappresentanze diplomatico-consolari dei due Paesi provvedano a “legalizzare” i loro documenti e certificazioni perché la loro legalizzazione è sostituita dalla cosiddetta “apostille”.

L’apostille è un timbro/sigillo apposto su documenti o certificazioni rilasciati da Autorità straniere al fine di certificarne l’autenticità e renderli validi nel paese in cui il documento deve essere prodotto: in questo caso, da Malta all’Italia e viceversa.

A Malta l’apostille viene apposta dal Ministero degli Affari Esteri:

Directorate of Protocol and Consular Services
Ministry of Foreign Affairs
Palazzo Parisio,
Merchants’ Street,
Valletta
VLT 1171

Per maggiori informazioni sull’apostille:

Dal sito del MAECI, clicca qui
Dal sito del Ministero degli Affari Esteri maltese clicca qui

Traduzioni di documenti

La nostra Cancelleria Consolare non effettua traduzioni. Spetta in genere agli utenti provvedere autonomamente a tradurre i documenti di loro interesse.

Elenco dei traduttori e degli interpreti a cui è possibile rivolgersi, clicca qui