This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Aggiornamento normativa per ingresso a Malta

Date:

07/10/2021


Aggiornamento normativa per ingresso a Malta

A seguito di quanto appreso da fonti ufficiali (https://www.maltairport.com/covid19/arrival/#TB), il Ministero della Salute maltese ha indicato che, a partire dal 14 luglio 2021, potranno recarsi a Malta esclusivamente i possessori di certificato EU COVID-19 che attesti il completamento, da almeno 14 giorni, del ciclo vaccinale contro il COVID19.

A differenza della normativa attualmente in vigore, non sarà più possibile da tale data accedere all’Arcipelago maltese esibendo il risultato negativo del test PCR.

I minori non accompagnati non potranno entrare nel Paese. I bambini tra i 5 e i 12 anni accompagnati dai genitori dovranno presentare un test PCR negativo svolto entro le 72 ore precedenti all’ingresso sul territorio maltese.

Si ricorda che, se una persona è imbarcata senza un certificato che attesti il completamento del ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, l'ingresso nel territorio maltese sarà rifiutato.

Qualora si fosse in possesso di una carta d'identità residente maltese o si fosse completato il ciclo vaccinale a Malta, dopo 14 giorni dall'ultima dose potrà essere richiesto il certificato di vaccinazione maltese, reperibile al portale: https://certifikatvaccin.gov.mt/Home/ 

Quanto ai cittadini maltesi non vaccinati, a seguito dell’autorizzazione all’ingresso da parte della Autorità sanitarie maltesi, da richiedere all’indirizzo email covid19.vetting@gov.mt, dovranno essere messi in quarantena al loro ritorno in Patria.

Si ricorda che ogni viaggiatore che accede a Malta via aereo/mare è tenuto a portare con sé un modulo di dichiarazione di viaggio e un modulo di localizzazione passeggeri, che deve essere consegnato alle Autorità maltesi all’arrivo sul territorio maltese.

Si attende l’ufficializzazione sui siti istituzionali maltesi di tali modifiche normative, attualmente annunciate nel corso di una conferenza stampa tenuta dal Ministro della Sanità nella serata di venerdì 9 luglio.


1050